91

Il doodle di oggi, 24 settembre, è dedicato ad Arati Saha passata alla storia grazie alla sua grandiosa impresa a nuoto

 

Arati Saha, ecco la storia della sua impresa a nuoto nel 1959:

Arati Saha, nota con il cognome Gupta dopo il matrimonio col suo manager Arun Gupta (Calcutta, 24 settembre 1940 – Calcutta, 23 agosto 1994), è stata una nuotatrice indiana, divenuta celebre soprattutto per essere stata la prima donna asiatica ad attraversare la Manica a nuoto, nel 1959.

Aveva preso parte giovanissima (era la più giovane atleta della spedizione indiana) alle olimpiadi di Helsinki 1952, dove chiuse al 33° posto le batterie dei 200 m rana.Dopo un primo tentativo fallito il 27 agosto 1959, il successivo 29 settembre fu in grado di coprire il tratto di mare tra Cap Gris-Nez e Sandgate in 16 ore e 20 minuti, divenendo la prima donna asiatica a riuscire nell’impresa.

Nel 1960 venne insignita del Padma Shri, quarta onorificenza indiana. Morì nel 1994 a causa di ittero ed encefalite. La città di Calcutta le ha dedicato un monumento nei pressi di quella che era la sua abitazione, dedicandole il tratto di strada antistante. Nel 1999 venne emesso un francobollo in suo onore.

arati Saha nuoto

La carriera sportiva e l’impresa a nuoto:

Tra il 1945 e il 1951 Arati Saha ha vinto 22 gare a livello statale nel Bengala occidentale. Le sue specialità principali erano 100 metri stile libero, 200 metri rana e 300 metri rana. 

Nel 1948 partecipò al campionato nazionale tenutosi a Mumbai. Arati Saha vinse l’argento nei 100 metri stile libero e nei 200 metri rana e ha vinto il bronzo nei 200 metri stile libero. Nel 1950 segnò anche un record nazionale. Durante le competizioni nel Bengala occidentale del 1951, ha registrato 1 minuto e 37,6 secondi in 100 metri di corsa al seno e ha battuto il record di Dolly Nazir in tutta l’India. Nello stesso incontro, ha stabilito un nuovo record a livello nazionale nei 100 metri a nuoto stile libero, 200 metri stile libero e 100 metri a dorso.

Arati Saha ha rappresentato l’India alle Olimpiadi estive del 1952 insieme alla connazionale Dolly Nazir. Si tratta di una delle quattro donne partecipanti e il membro più giovane del contingente indiano. Alle Olimpiadi, ha preso parte a 200 metri di corsa al seno. Nelle manche ha fatto registrare 3 minuti e 40,8 secondi.

Prendeva parte a gare di nuoto a lunga distanza nel Gange . Arati ha avuto la prima ispirazione per attraversare il Canale della Manica da Brojen Das. Alla Butlin International Cross Channel Swimming Race del 1958, Brojen Das divenne il primo tra gli uomini e si guadagnò il primato di essere la prima persona del subcontinente indiano ad attraversare la Manica . Greta Andersen , una nuotatrice nata in Danimarca dagli Stati Uniti, ha segnato 11 ore e 1 minuto ed è stata la prima tra uomini e donne.

arati Saha nuoto

Questo ha ispirato le nuotatrici di tutto il mondo. Arati ha inviato un messaggio di congratulazioni a Brojen Dassulla sua vittoria. Ha risposto affermando che anche lei sarà in grado di raggiungerlo. Ha proposto il nome di Arati agli organizzatori della Butlin International Cross Channel Swimming Race per l’evento del prossimo anno.

All’ispirazione di Brojen Das , Arati ha iniziato a pensare seriamente di partecipare all’evento. Mihir Sen ha accolto con favore la sua decisione e l’ha incoraggiata. Il dottor Arun Gupta, l’assistente segretario esecutivo dell’Hatkhola Swimming Club ha preso l’iniziativa principale nell’organizzare la partecipazione di Arati all’evento.

Arati Saha ha organizzato mostre delle abilità di nuoto di Arati come parte dei programmi di raccolta fondi. Oltre a lui, anche Jamininath Das, Gour Mukherjee e Parimal Saha hanno fornito il loro aiuto nell’organizzazione del viaggio di Arati.

Tuttavia, nonostante i sinceri sforzi dei suoi simpatizzanti, i fondi raccolti non erano ancora all’altezza dell’obiettivo. A questo punto eminenti assistenti sociali Sambhunath Mukherjee e Ajay Ghoshal hanno affrontato la questione con il dott. Bidhan Chandra Roy, il primo ministro del Bengala occidentale. Ha organizzato un importo di ₹11.000. Anche Jawahar Lal Nehru, il Primo Ministro indiano, ha mostrato un vivo interesse per lo sforzo di Arati.

Mentre veniva organizzata la logistica del suo viaggio, Arati iniziò la sua formazione. Una componente importante della sua preparazione era nuotare per lunghe ore. Il 13 aprile 1959, Arati nuotò ininterrottamente per otto ore nello stagno del Deshbandhu Park, alla presenza di rinomati nuotatori e migliaia di sostenitori. Successivamente ha nuotato ininterrottamente per 16 ore. Ha corso negli ultimi 70 metri e non ha mostrato quasi segni di stanchezza. Il 24 luglio 1959 partì per l’Inghilterra insieme al suo manager, il dottor Arun Gupta.

arati Saha nuoto

Doodle Google

Dopo la pratica di base, ha iniziato la sua pratica finale sul Canale della Manica dal 13 agosto. Durante questo periodo, è stata guidata dal Dr. Bimal Chandra, che stava anche partecipando alla gara internazionale di nuoto Cross Channel di Butlin del 1959. Era arrivato in Inghilterra da un’altra gara di nuoto a Napoli in Italia.

Alla competizione hanno preso parte 58 partecipanti, comprese 5 donne di 23 paesi. La gara è stata programmata il 27 agosto 1959 all’1 del mattino ora locale da Cape Gris Nez , in Francia, a Sandgate , in Inghilterra. Tuttavia, la pilotina di Arati Saha non è arrivata in tempo. Ha dovuto iniziare in ritardo di 40 minuti e ha perso la condizione favorevole.

Alle 11 del mattino Arati Saha aveva nuotato per più di 40 miglia ed era arrivata a 5 miglia dalla costa dell’Inghilterra. A quel punto ha affrontato una forte corrente dalla direzione opposta. Di conseguenza, entro le 4 del pomeriggio, poteva nuotare solo per altre due miglia circa. Sebbene fosse ancora determinata a proseguire, dovette smettere sotto la pressione del suo pilota.

arati Saha nuoto

Nonostante il fallimento, l’Arati era deciso a non arrendersi. Si è preparata per un secondo tentativo. La malattia del suo manager, il dottor Arun Gupta, ha reso la sua situazione difficile, ma ha continuato con la sua pratica. Il 29 settembre 1959 fece il suo secondo tentativo. Partendo da Cape Gris Nez , in Francia, ha nuotato per 16 ore e 20 minuti, combattendo onde dure e ha percorso 42 miglia per raggiungere Sandgate , in Inghilterra.

Quando raggiunse la costa dell’Inghilterra, Arati Saha issò la bandiera indiana. Vijaylakshmi Pandit è stata la prima a congratularsi con lei. Jawahar Lal Nehru e molte persone eminenti si sono congratulate personalmente con lei. Il 30 settembre All India Radio ha annunciato il raggiungimento di Arati Saha.

www.terzoo.com