90

Silvio Berlusconi, ormai dimesso dall’ospedale da diversi giorni, ha ricevuto l’ennesimo esito positivo al tampone per il covid-19. Nonostante non abbia sintomi il Cavaliere è ancora costretto all’isolamento.

 

Berlusconi, nuovo tampone positivo al covid-19:

Ancora l’ennesimo esito del tampone positivo al covid-19, ieri, per Silvio Berlusconi. Dopo essere stato dimesso dall’ospedale San Raffaele, Berlusconi sta trascorrendo la quarantena a casa sua a Villa San Martino, in un isolamento praticamente totale. Con lui, nella residenza di Arcore, attualmente si trova solamente la compagna Marta Fascina. Silvio Berlusconi la prossima settimana festeggerà il suo 84esimo compleanno, ovviamente data la sua attuale positività al covid-19 non avrà la possibilità di celebrarlo con le persone a lui care.

Silvio Berlusconi

L’ex premier attualmente non presenta alcun sintomo grave, a quanto si apprende, a parte l’astenia tipica della convalescenza post covid-19, che spesso va ad influire sull’umore, anche nel caso di un paziente che non vuole mollare per nessun motivo come Silvio Berlusconi.

La situazione quindi è stabile e viene sempre tenuta sotto controllo dal professor Alberto Zangrillo. «Non ho sintomi. Mi sento come un leone in gabbia». Berlusconi aveva lasciato l’ospedale San Raffaele, dove era stato ricoverato, già una decina di giorni fa per tornare a casa sua in isolamento.

Massimo Clementi riguardo a Berlusconi e il covid-19:

«È una positività al coronavirus Sars-CoV-2 molto bassa» quella del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi. «E non richiede terapie. Lui è totalmente asintomatico. Siamo a quei livelli borderline in cui ci si chiede sempre se questi soggetti siano veramente infettanti o meno. Succede».

Questo è quanto ha descritto, contattato dall’Adnkronos Salute, il virologo Massimo Clementi, ordinario di Microbiologia e Virologia all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Irccs ospedale San Raffaele.

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi era risultato positivo al tampone circa 25 giorni fa, il 2 settembre. Poi il 4 si era deciso per il suo ricovero al San Raffaele, dopo che gli esami avevano indicato la presenza di un principio di polmonite bilaterale. Il Cavaliere è quindi stato trattato con l’antivirale remdesivir e dimesso il 14 settembre per proseguire con l’isolamento presso casa sua visto che la situazione era stabile.

Oggi, dopo circa 25 giorni, è ancora positivo, ma Clementi assicura: «Sta bene, è totalmente asintomatico. Forse un po’ abbattuto dal dover stare ancora in isolamento e non poter essere totalmente fuori da questa storia. Ma succede. Abbiamo avuto casi di positività molto più lunga», conclude l’esperto.

Silvio Berlusconi:

Silvio Berlusconi (Milano, 29 settembre 1936) è un politico e imprenditore italiano, conosciuto anche come il Cavaliere, soprannome assegnatogli dal giornalista sportivo Gianni Brera, in ragione dell’onorificenza a cavaliere del lavoro, conferitagli nel 1977 dal presidente della Repubblica Giovanni Leone e alla quale ha rinunciato nel 2014.

Silvio Berlusconi

Ha iniziato l’attività imprenditoriale nel campo dell’edilizia. Nel 1975 ha costituito la società finanziaria Fininvest e nel 1993 la società di produzione multimediale Mediaset, nelle quali convergono altre società come Arnoldo Mondadori Editore e Silvio Berlusconi Communications, rimanendo figura simbolo dell’omonima famiglia Berlusconi.

Secondo la rivista americana Forbes, con un patrimonio personale stimato in 8 miliardi di dollari USA (circa 6,8 miliardi di euro), il Cavaliere è, nel 2018, il quinto uomo più ricco d’Italia e il 190º più ricco del mondo. Nel 2009, Forbes ha classificato Silvio Berlusconi 12º nella sua lista delle persone più potenti del mondo per via della sua dominazione della politica italiana.

È stato imputato in oltre venti procedimenti giudiziari. Il 1º agosto 2013 è stato condannato a quattro anni di reclusione (con tre anni condonati dall’indulto del 2006) per frode fiscale, con sentenza passata in giudicato nel cosiddetto “processo Mediaset”. Il 19 ottobre dello stesso anno gli è stata irrogata la pena accessoria dell’interdizione ai pubblici uffici per due anni, a seguito dello stesso processo.

Silvio Berlusconi

A causa della suddetta condanna, il 27 novembre 2013 il Senato della Repubblica ha votato a favore della sua decadenza dalla carica di senatore. Berlusconi ha quindi cessato di essere un parlamentare dopo quasi vent’anni di presenza ininterrotta nelle due camere (dall’aprile 1994 al novembre 2013).

www.terzoo.com