92

Oggi, giovedì 2 giugno, è stato istituito il Blackout Tuesday in memoria di George Floyd, l’uomo di colore ucciso soffocato da un poliziotto a Minneapolis. L’iniziativa è partita dal mondo della musica e si è estesa a tutti i cittadini del mondo

 

Blackout Tuesday e il quadrato nero sui social:

Il quadrato nero che invade i profili social di personalità del mondo dello sport, della musica, dello spettacolo e non solo. Si chiama Blackout Tuesday ed è l’ennesima iniziativa di solidarietà e protesta contro il razzismo per la sconvolgente morte di George Floyd avvenuta a Minneapolis il 25 maggio.

CLICCA QUI PER LEGGERE DELLA MORTE DI GEORGE FLOYD

Blackout Tuesday quadrato nero

Mentre i cittadini americani stanno protestando per la violenta morte di George Floyd, gli artisti e gli esponenti del mondo della musica hanno deciso di sfruttare la loro influenza per contribuire alla causa. A modo loro, quindi, gli artisti stanno cercando un modo per aiutare a porre fine al razzismo. Oggi, martedì 2 giugno, ad esempio, è il Blackout Tuesday, giornata in cui l’industria musicale e gli artisti si fermano per dire “no” al razzismo.

Aziende musicali e artisti hanno chiesto a tutti di prendersi un giorno oggi, 2 giugno, «per disconnettersi dal lavoro e per riconnettersi con la propria comunità». Questa giornata è stata soprannominata Blackout Tuesday. «Come guardiani della cultura, è nostra responsabilità non solo riunirci per celebrare le vittorie, ma anche sostenerci l’un l’altro durante le sconfitte».

Pages: Next