90

Andrea Bocelli è intervenuto durante un convegno organizzato da Vittorio Sgarbi ha raccontato di come abbia disobbedito al lockdown perché non credeva all’esistenza del covid-19:

 

Bocelli e le affermazioni assurde sull’inesistenza del covid-19:

Il tenore italiano Andrea Bocelli è intervenuto durante un convegno in Senato organizzato dall’onorevole Vittorio Sgarbi ed etichettato come “dei negazionisti del Covid” da buona parte della comunità scientifica italiana.

Andrea Bocelli  aveva raccontato di aver avuto il Covid-19 ma di esserne anche guarito e diventare poi donatore di plasma, ha spiegato di essersi “sentito umiliato e offeso come cittadino quando mi è stato vietato di uscire di casa. Devo anche confessare, e lo faccio qui pubblicamente, di aver anche in certi casi disobbedito volontariamente a questo divieto perché non mi sembrava giusto né salutare. Ho una certa età e ho bisogno di sole e di vitamina D”.

Bocelli Covid-19 convegno

Affermazioni che hanno generato opinioni contrastanti, come lo ha fatto anche l’argomento del convegno organizzato da Sgarbi:  ‘Covid-19 in Italia: tra informazione, scienza e diritti’. Durante il convegno si è dato credito a medici come Zangrillo che ostenta ormai su molti media la tesi di una “epidemia” già finita nonostante i dati sul covid-19 continuino a dirci che più abbassiamo la guardia e peggiore diventa la situazione.

 

 

“Ho accolto questo invito ma sono lontano dalla politica” inizia dicendo Bocelli. “Quando siamo entrati in pieno lockdown ho anche cercato di immedesimarmi in chi doveva prendere decisioni così delicate. Poi ho cercato di analizzare la realtà e mi sono reso conto che le cose non erano così come ci venivano raccontate”, ha successivamente ammesso il tenore.

Bocelli Covid-19 convegno

Bocelli: “Non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva”

“Io conosco un sacco di gente, ma non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva, quindi perché questa gravità? C’è stato un momento in cui mi sono sentito umiliato e offeso per la privazione della libertà di uscire di casa senza aver commesso un crimine e devo confessare pubblicamente di aver disobbedito a questo divieto che non mi sembrava giusto e salutare”, confessa Andrea Bocelli.

Il tenore aveva scoperto di essere positivo lo scorso 10 marzo dopo aver fatto il tampone. A parte una leggera febbre, è stato sostanzialmente un asintomatico. 

CLICCA QUI PER LEGGERE DELLA POSITIVITA’ DI BOCELLI

 

www.terzoo.com

Il mondo del web non ha atteso ad esprimere il proprio dissenso dalle parole di Andrea Bocelli, tra l’altro il cantante durante il lockdown si è esposto diverse volte per eventi e raccolte fondi in supporto agli ospedali messi in ginocchio dal covid-19.

Bocelli Covid-19 convegno

Al convegno di Sgarbi ha preso parte anche il leader della Lega Matteo Salvini che ha deciso di presentarsi senza mascherina nella Sala della Biblioteca del Senato. L’evento è stato organizzato per denunciare “l’allarmismo ingiustificato”, e le “restrizioni di libertà” in seguito a un virus che, a giudizio di Vittorio Sgarbi “non c’è più”.

Gli addetti del Senato, a più riprese, hanno invitato tutti i presenti a indossare la mascherina, ma la richiesta è stata accolta quasi esclusivamente dai giornalisti presenti. Un funzionario lo ha chiesto anche direttamente a Matteo Salvini, il quale però gli ha risposto: “Non ho la mascherina, non me la metto”. Subito dopo, un componente dello staff leghista ha portato al segretario una mascherina, che comunque Salvini non ha mai indossato.

Bocelli Covid-19 convegno