92

Dalla settimana prossima sarà possibile richiedere il Bonus Vacanze previsto dal Decreto Rilancio, vediamo a quanto ammonta il bonus, come si utilizza e in quali strutture verrà accettato:

 

Il Bonus Vacanze:

Il bonus vacanze è un contributo accessibile dalle famiglie italiane che presentano determinati requisiti di reddito (Isee inferiore a 40.000 euro). Il bonus arriverà ad un massimo di 500 euro e la richiesta del bonus può essere effettuata a partire dal 1° luglio 2020.

L’estate è iniziata e il lockdown è finito, quindi molte famiglie stanno pensando alle vacanze per trovare un po’ di relax in questo periodo decisamente dificile. La somma prevista a favore delle famiglie potrà essere spesa in alberghi, b&b, agriturismi, villaggi turistici e campeggi.

L’iniziativa del Decreto Rilancio vuole quindi aiutare economicamente le famiglie per permettergli di andare in vacanza e rilanciare anche il mercato del turismo che gioca un ruolo fondamentale nell’economia di moltissime regioni. Per poter erogare il contributo lo Stato ha messo a disposizione risorse pari a 2,4 miliardi di euro.

CLICCA QUI PER LEGGERE ALCUNI CONSIGLI PER LE TUE VACANZE

Bonus Vacanze Decreto Rilancio

Bonus vacanze: quanti soldi sono, come e quando si potrà usare

Se la vostra famiglia possiede i requisiti previsti per poter beneficiare del contributo vacanze, uno qualsiasi dei componenti del nucleo familiare potrà farne richiesta, inoltre, il bonus potrà essere speso da qualsiasi membro della famiglia, non solo dal richiedente.

Il valore del Bonus Vacanze varierà in funzione del numero di componenti il nucleo familiare:

  • ai nuclei monofamiliari spetterà un importo di 150 euro;
  • alle famiglie composte da due persone spetterà un bonus di 300 euro,
  • per le famiglie costituite da 3 o più componenti il bonus arriva a 500 euro.

Il bonus può essere speso solamente presso un’unica struttura ricettiva e in un’unica soluzione. Ciò significa che il Bonus Vacanze dovrà essere speso tutto in un’unica vacanza.

Pagamento direttamente presso la struttura

Al fine di utilizzare il bonus sarà necessario pagare direttamente l’importo dovuto alla struttura ospitante, non sarà permesso utilizzare il bonus vacanze nel caso ci si sia affidati al supporto di intermediari come Booking, Airbnb o simili. Sarà invece possibile utilizzare l’aiuto economico del Decreto Rilancio nel caso in cui i pagamenti vengano effettuati mediante l’intermediazione di agenzie di viaggio e tour operator.

Non tutte le strutture ricettive parteciperanno all’iniziativa del Decreto Rilancio, quindi consigliamo sempre di verificare se vi è la possibilità di spendere il bonus vacanze presso il centro dove si andrà a soggiornare.

Bonus Vacanze Decreto Rilancio

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTI I BONUS DEL DECRETO RILANCIO

Come usare il bonus vacanze

Per quanto riguarda il funzionamento vero e proprio del bonus vacanze si deve precisare che una parte dell’Importo, pari all’80%, verrà utilizzato sotto forma di sconto al momento del pagamento presso la struttura. Il restante 20% del prezzo pagato, potrà essere recuperato sotto forma di detrazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi del 2021. Ovviamente per ottenere la detrazione fiscale sarà necessario conservare tutti i documenti necessari per dimostrare l’utilizzo del bonus vacanze.

L’esercente a sua volta potrà recuperare lo sconto praticato al cliente sul prezzo sotto forma di credito di imposta, utilizzabile in compensazione e cedibile eventualmente anche a terzi, in parte o in tutto.

Quando si potrà usare il buono vacanze

Per quanto riguarda le tempistiche il bonus potrà essere richiesto a partire dal 1° luglio 2020 e dovrà essere speso a partire dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020. Non si tratterà, quindi, solo di vacanze estive ma sarà possibile utilizzarlo fino alla fine di questo anno solare.

Bonus Vacanze Decreto Rilancio

Dove mi arriva questo bonus?

Il bonus vacanze sarà erogato in forma completamente digitale, quindi non ci sarà nulla da stampare e sarà sufficiente farlo vedere tramite lo smartphone al momento del pagamento del soggiorno. Per ricevere il bonus digitale sarà necessario installare la nuova app IO.Italia.it, per accedere all’app sarà necessaria la SPID (l’identità digitale che consente l’accesso ai servizi della pubblica amministrazione) o la carta d’identità elettronica.

Bonus Vacanze Decreto Rilancio

L’app fornirà un codice univoco e un QR-code che permetterà di spendere il bonus. Sarà la stessa app ad indicare l’ammontare dello sconto applicato, il periodo in cui farne utilizzo nonché il numero dei componenti il nucleo familiare che potranno beneficiarne.

Dove posso usare il mio bonus vacanze?

Il bonus vacanze è un’iniziativa volta a risollevare il turismo italiano, quindi non sarà possibile utilizzarlo all’estero. Il contributo economico sarà utilizzabile solamente presso le strutture aderenti all’interno dei confini della nostra penisola. Per risparmiare qualcosa sulle spese connesse alle vacanze estive il contributo potrà essere speso per soggiorni in:

  • alberghi,
  • campeggi,
  • B&B,
  • villaggi turistici
  • case vacanze (con partita IVA),
  • e agriturismi.

Tra le strutture dove spendere il bonus non figurano quindi gli stabilimenti balneari. Rientra invece l’appartamento vacanze, a patto che questo sia riconosciuto come struttura ricettiva e dotato di partita IVA, infatti sarà necessario ottenere la fattura della somme spesa per poter usare il voucher.

Bonus Vacanze Decreto Rilancio

Saranno le strutture ricettive a comunicare ai clienti se aderiscono o meno all’iniziativa del Decreto Rilancio. Non tutte le strutture sono infatti abilitate e soprattutto non vi è alcun obbligo da parte dell’esercente di accettare il buono vacanza.

Cosa succede se spendo meno soldi di quelli previsti dal bonus?

Nel caso in cui il bonus vacanza sia superiore all’importo della vacanza stessa si potrà comunque usare il voucher. É necessario precisare che la somma non spesa non rimarrà a credito e soprattutto la struttura non dovrà in nessun modo dare soldi indietro al cliente!