70

Si è appena concluso l’ennesimo discorso del Premier Conte riguardo gli aggiornamenti sull’emergenza coronavirus. Tra le varie notizie, quella che interessa maggiormente i cittadini riguarda il protrarsi del periodo di quarantena.

Misure restrittive ancora fino al 3 maggio, poi si vedrà. I dati positivi sembrano annunciare la fine di questo incubo, eppure non è ancora il momento di cantare vittoria. Fino al 3 maggio rimangono attive le attuali restrizioni, ad eccezione di cartolerie, librerie, lavanderie e negozi di abbigliamento per neonati che potranno aprire nuovamente a partire dal 14 aprile. La situazione per le scuole, invece, è già stata chiarita in questo articolo.

Con queste giornate di sole sembra molto faticoso rispettare la quarantena e i sindaci delle varie città hanno paura che qualcuno possa avere la brillante idea di fuggire in seconde case in luoghi di villeggiatura. Molti sindaci hanno quindi annunciato un’intensificazione dei controlli per le strade a tutte le ore e multe più salate per i trasgressori delle misure di restrizione. Sarà quindi una Pasqua blindata lungo le strade italiane.