91

Dopo la devastante esplosione di Beirut che ha distrutto decide di edifici causando migliaia di feriti si cerca il colpevole, Israele incolpa il gruppo sciita di Hezbollah e loro rispondono incolpando i loro accusatori:

 

Esplosione a Beirut, Hezbollah accusa Israele e vice versa

“Questa catastrofe avrà gravi conseguenze a vari livelli e richiederà, a tutti i libanesi e a tutte le forze politiche, la solidarietà, l’unità e l’azione comune per superare gli effetti di questo crudele calvario”. Il gruppo di Hezbollah ha deciso di esprimersi riguardo la catastrofe di Beirut con un comunicato ufficiale, dopo essere stato tirato in ballo da diverse fonti d’intelligence occidentali: a saltare in aria provocando la distruzione della zona portuale della capitale del Libano sarebbe stato proprio un deposito di armi di Hezbollah.

Questa ipotesi, però, va in contrasto con la versione ufficiale del premier Hassan Diab, secondo cui il disastro sarebbe stato causato da un’esplosione di un deposito di fuochi di artificio o di nitrato di ammonio, generata da un incendio.

Hezbollah Beirut Israele

Fonti di Hezbollah vedrebbero la causa dell esplosione a Beirut in un sabotaggio israeliano attribuendogli la responsabilità della potente esplosione che ha sconvolto la città, causando almeno 100 morti e oltre 4.000 feriti.

Stando a quanto riportano i media locali le milizie sciite filo iraniane ritengono possibile che le due esplosioni consecutive che hanno interessato il deposito numero 12 del porto di Beirut siano state causate da un’azione di sabotaggio di Israele. Il quale però si è subito chiamato fuori e anzi ha offerto il suo aiuto medico. 

Hezbollah Beirut Israele

Israele ha fatto sapere che non ha nulla a che vedere con la terrificante esplosione avvenuta nel porto di Beirut, ma una fonte dello Stato ebraico ha tenuto a sottolineare che, secondo informazioni non corroborate, il magazzino presso cui è avvenuta la deflagrazione che ha causato decine di morti e migliaia di feriti, veniva utilizzato da Hezbollah, il movimento sciita filo iraniano che ha sempre giocato un ruolo di spicco nella politica libanese.

Le cause dell’esplosione a Beirut:

I video delle esplosioni, che mostrano uno scoppio seguito da una deflagrazione di estrema potenza in grado di travolgere tutto con la sua onda d’urto nel raggio di chilometri, mostrano quanto sia terribile ciò che è accaduto a Beirut.

Secondo le prime ricostruzioni l’esplosione sarebbe riconducibile ad un deposito di fuochi artificiali ospitato su una nave ormeggiata nel porto libanese. Lo scoppio avrebbe innescato poi altre esplosioni a catena che si sono concluse con quella più catastrofica che ha distrutto parte degli edifici attorno e che ha spinto il governatore della città, Marwan Abboud. a parlare di evento simile a quanto successo a Hiroshima e Nagasaki. 

Nella città è il caos. Migliaia di feriti si sono riversati in tutti gli ospedali della zona mandando in crisi il sistema sanitario di Beirut. Tra i feriti, fortunatamente in modo lieve, c’è anche un militare Unifil del contingente italiano in Libano. 

Hezbollah Beirut Israele

Sulle cause non ci sono vere certezze. Secondo una prima versione le tremende esplosioni sono state causate dallo scoppio di una nave carica di fuochi artificiali. Il ministro dell’Interno libanese, Mohamed Fehmi, all’emittente Mtv Lebanon ha detto poi che la probabile causa della potente esplosione che ha sconvolto Beirut potrebbe essere stata “l’enorme quantità di nitrato di ammonio” immagazzinato nel porto della città.

Le sue dichiarazioni coincidono con quanto riferito al canale libanese Al Mayadeen dal direttore generale delle dogane. Il nitrato di ammonio è un composto chimico usato come fertilizzante, ma anche per la fabbricazione di esplosivi. 

Hezbollah Beirut Israele

Mappa della città di Beirut, in rosso la zona dell’esplosione

L’ipotesi che più fonti di intelligence occidentali formulano quale causa della devastante esplosione è invece l’esplosione di un magazzino di armi di Hezbollah.

Israele e nuemerosi altri Paesi, tra cui l’Italia, hanno annunciato l’invio di aiuti. L’ipotesi dell’attentato terroristico sussiste anche alla luce delle forti tensioni nel Paese. 

www.terzoo.com