90

Il 30 maggio abbiamo riportato le manifestazioni in diverse piazze italiane del movimento dei Gilet Arancioni. L’evento ha attirato l’attenzione delle persone soprattutto a causa dei grandi assembramenti che si sono creati e il non rispetto delle norme sanitarie da parte dei manifestanti. Ecco la storia del movimento del suo capo, Antonio Pappalardo:

 

Gilet Arancioni, chi sono?

Nei giorni passati abbiamo riportato i fatti legati alle proteste dei Gilet Arancioni in diverse piazze d’Italia, non curanti delle norme sanitarie per arginare il contagio da coronavirus. Non a tutti però è chiaro da dove nasce questo movimento controllato da Antonio Pappalardo:

Gilet Arancioni Antonio Pappalardo

La storia del movimento dei Gilet Arancioni quindi dipende da quella del suo leader che si affaccia alla politica con il movimento dei Forconi del 2006 e nella rivolta dei Tir del 2011.

Formalmente, quella dei Gilet Arancioni è un’organizzazione politica nata alla fine del 2018. É evidente il richiamo ai Gilet Gialli francesi, movimento di protesta contro l’aumento dei prezzi del carburante e l’elevato costo della vita in Francia.

WWW.TERZOO.COM

I primi a indossare dei gilet arancioni sono stati dei cittadini pugliesi, nel dicembre 2018, in piena emergenza Xylella: “Li indossiamo perché l’arancione è il colore dell’allerta meteo e l’agricoltura pugliese è in un uno stato di allerta perenne e noi vogliamo che la Regione e il Consiglio si facciano protezione civile per salvare il settore trainante della nostra economia”. Riporta Danilo Lolatte, direttore regionale di Cia Puglia.

Pages: Next