88

Nella giornata del 30 giugno c’è stato un raduno di circa un centinaio di persone a Milano e in altre piazze italiane per la manifestazione dei ‘gilet arancioni’, un movimento di protesta che chiede, tra l’altro, il ritorno alla “lira italica” e un “governo votato dal popolo”. 

 

Gilet arancioni in piazza Duomo a protestare ma senza misure di sicurezza

Questa mattina a Milano la manifestazione dei ‘gilet arancioni’, un movimento di protesta, ha radunato un centinaio di persone in piazza Duomo generando enormi ed incoscienti assembramenti di persone spesso senza mascherina. Questo movimento dei gilet arancioni, ispirato dai gilet gialli francesi, chiede, tra l’altro, il ritorno alla “lira italica” e un “governo votato dal popolo”. Un’iniziativa organizzata non solo nel capoluogo lombardo, ma in tutte le principali piazze italiane, da Roma a Napoli.

Estrema destra e scetticismo alla reale esistenza del coronavirus, rabbia sociale e aspirazioni autarchiche, crisi economica  ecco su cosa fanno forza i gilet arancioni. Da Milano a Bologna, da Torino a Roma è scesa oggi in piazza l’ala più dura degli antigovernativi. Il grido è “libertà”, persino dall’obbligo della mascherina, perché “il virus è un trucco” usato per imporre un nuovo ordine sociale secondo questa gente.

Pages: Next