71

L’industria del turismo in India è economicamente importante e sta crescendo rapidamente. Il “World Travel & Tourism Council (WTTC)” ha calcolato che il turismo ha generato 6.4 trilioni di rupie ovvero il 6,6% del Prodotto interno lordo (PIL) del paese nel 2012, sostenendo 39,5 milioni di posti di lavoro, il 7,7% dell’occupazione totale; è inoltre prevista una crescita nell’intero settore ad un tasso medio annuo del 7,9% dal 2013 al 2023. Questo dà all’India il terzo posto tra i paesi con le industrie del turismo a più rapida crescita nel prossimo decennio.

 

L’India ha anche un ampio “turismo medico”, che è destinato a crescere ad un tasso stimato del 30% ogni anno per raggiungere circa 95 miliardi di ₹ entro il 2015. Secondo le statistiche provvisorie 6.290.000 turisti stranieri sono arrivati in India nel 2011, con un incremento dell’8,9% rispetto ai 5,78 milioni del 2010. Questo classifica l’India come il 38º paese al mondo in termini di arrivi di turisti stranieri; mentre le visite turistiche nazionali a tutti gli Stati federati e territori dell’India ammontano ad 1.036.350 nel 2012, con un incremento del 16,5% a partire dal 2011.

 

I paesi più rappresentati sono gli Stati Uniti d’America (16%) e il Regno Unito (12,6%). Nel 2011, Maharashtra, Tamil Nadu e Delhi sono stati i paesi più popolari per i turisti stranieri; invece i turisti nazionali hanno visitato con più frequenza soprattutto gli Stati dell’Uttar Pradesh, Andhra Pradesh e ancora Tamil Nadu. Chennai, oltre a Delhi, Mumbai e Agra sono state le quattro città più visitate in India dai turisti stranieri durante l’anno 2011. In tutto il mondo, Chennai è valutata al 38º posto tra le città con il maggior numero di turisti stranieri, mentre Mumbai è classificata al 50°, Delhi e Agra al 52° e al 66° rispettivamente e Kolkata al 99°.

Pages: Next