90

Si è spento Ennio Morricone, uno dei più celebri compositori italiani, in 60 anni di carriera ha realizzato più di 500 collaborazioni ed ha vinto ben due Premi Oscar.

 

Ci ha lasciati Ennio Morricone:

Il mondo del cinema e della musica perde un pezzo di storia iniziata ormai 60 anni fa, Ennio Morricone è stato colui che ha attirato sull’Italia le luci dei riflettori di Hollywood. Con il suo star system, i film che attraevano investimenti delle major americane, il cinema dei grandi autori ma anche peplum, western, horror e poliziotteschi proiettati da un capo all’altro del pianeta. Un’industria importantissima che ha permesso a molti volti del cinema di spiccare il volo.

Ennio Morricone fu due volte premio Oscar dopo essere giunto alla fama mondiale grazie al sodalizio con Sergio Leone ed era il fulcro di questo mondo che collega Italia e Stati Uniti.

Ennio Morricone cinema

Morricone è stato lucido e cosciente nei suoi ultimi momenti di vita come riporta il suo legale Giorgio Assumma: «ha conservato sino all’ultimo piena lucidità e grande dignità, ha salutato l’amata moglie Maria che lo ha accompagnato con dedizione in ogni istante della sua vita umana e professionale e gli è stato accanto fino all’estremo respiro, ha ringraziato i figli e i nipoti per l’amore e la cura che gli hanno donato, ha dedicato un commosso ricordo al suo pubblico dal cui affettuoso sostegno ha sempre tratto la forza della propria creatività».

Ennio Morricone ha voluto scriversi il necrologio e in prima persona, ecco il testo integrale riportato dal Sole 24 Ore:

«Ennio Morricone è morto. Lo annuncio così a tutti gli amici che mi sono stati sempre vicino e anche a quelli un po’ lontani che saluto con grande affetto. Impossibile nominarli tutti. Ma un ricordo particolare è per Peppuccio e Roberta , amici fraterni molto presenti in questi ultimi anni della nostra vita. C’è una sola ragione che mi spinge a salutare tutti così e ad avere un funerale in forma privata : non voglio disturbare.

Saluto con tanto affetto Ines, Laura, Sara, Enzo e Norbert, per aver condiviso con me e la mia famiglia gran parte della mia vita. Voglio ricordare con amore le mie sorelle Adriana, Maria, Franca e i loro cari e far sapere loro quanto gli ho voluto bene. Un saluto pieno, intenso e profondo ai miei figli Marco, Alessandra, Andrea, Giovanni, mia nuora Monica, e ai miei nipoti Francesca, Valentina, Francesco e Luca. Spero che comprendano quanto li ho amati. Per ultima Maria (ma non ultima) . A lei rinnovo l’amore straordinario che ci ha tenuto insieme e che mi dispiace abbandonare. A Lei il più doloroso addio».

Ennio Morricone cinema

Come si legge anche del necrologio Ennio Morricone ha richiesto di celebrare il suo funerale in forma privata: dopo che il mondo ha ascoltato i suoi componimenti per anni, ora vuole andarsene facendo silenzio.

www.terzoo.com

Il sodalizio tra Morricone e Sergio Leone:

Morricone e il regista Sergio Leone erano compagni di classe alle scuole elementari e nel 1964 cominciarono a collaborare. Nello stesso periodo Morricone cominciò a collaborare anche con Bernardo Bertolucci. La prima colonna sonora che scrisse per Leone fu per il film Per un pugno di dollari, nel 1964, proseguendo per tutta la serie successiva di spaghetti-western diretti dal regista romano:

 

Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo, C’era una volta il West (1.260.000 copie vendute in Francia), Giù la testa. Un sodalizio che durò fino all’ultimo film di Leone, il gangster-movie C’era una volta in America, sodalizio che gli permise di comporre alcune tra le sue musiche più apprezzate, contribuendo notevolmente al successo dei film di Leone.

Ennio Morricone cinema

Tuttavia, per quanto siano le più note e imitate, le colonne sonore scritte per Leone rappresentano solo una parte della vena creativa del compositore, il quale si è cimentato praticamente con tutti i generi cinematografici: dalla fantascienza al thriller, dal film erotico alla commedia di costume, per finire con il melodramma e i film storici. In tal senso, estremamente variegate e spesso curiose le sue collaborazioni con i molti registi italiani e internazionali come Carlo Verdone, John Carpenter e Bernardo Bertolucci.

 

Il saluto della politica:

Tra i primi a scrivere un messaggio in onore di Ennio Morricone c’è stato il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini: «Un giorno triste per la cultura, con Ennio Morricone ci lascia uno dei grandi maestri italiani, un musicista di raffinata bravura che con le sue melodie ha saputo emozionare e far sognare il mondo intero che lo ha ricambiato con i più importanti premi e riconoscimenti, a partire dagli Oscar per le sue leggendarie colonne sonore. Ho avuto la fortuna di incontrarlo e non scorderò quell’energia e quella forza che era capace di trasmettere anche con il solo sguardo. Sono vicino ai familiari in questa triste giornata».

Anche il premier Giuseppe Conte ha lasciato un messaggio di cordoglio tramite Twitter: «Ricorderemo sempre, con infinita riconoscenza, il genio artistico del Maestro Ennio Morricone. Ci ha fatto sognare, emozionare, riflettere, scrivendo note memorabili che rimarranno indelebili nella storia della musica e del cinema». 

Ennio Morricone cinema