90

Sono stati presentati i palinsesti Rai per la prossima stagione televisiva, tra i vari nomi spicca sicuramente l’arrivo di Maria de Filippi, la seconda conduzione di Sanremo affidata ad Amadeus e il ritorno di Antonella Clerici:

 

I nuovi palinsesti Rai:

“Il Festival di Sanremo sarà di nuovo affidato al direttore artistico Amadeus, persona misurata, garbata, ma anche grande intrattenitore, che ha fatto un gran lavoro di selezione delle canzoni. Insieme a lui ci sarà il grande Fiorello. Sarà un Sanremo che riaprirà la nostra normalità: viva Sanremo”, sono queste le parole con cui Stefano Coletta ha ufficializzato la conduzione di Amadeus a Sanremo per la seconda volta di fila, completamente giustificata dal boom di ascolti dell’edizione 2020.

Rai palinsesti Sanremo

Nel 2021 la Rai ha deciso che il Festival slitterà a marzo, inserendolo nei palinsesti dal 2 al 6 marzo “proprio per cercare di realizzarlo nella formula tradizionale. Al piano B ci stiamo pensando, ma il piano B non è Sanremo”, ha spiegato il direttore di Rai 1. Si darà ancora spazio a Sanremo Giovani il 17 dicembre ma ci sarà anche la novità Ama Sanremo, programma dedicato alle selezioni delle nuove proposte in onda al giovedì sera in seconda serata per cinque appuntamenti dal 22 ottobre.

Se la conduzione di Amadeus a Sanremo era prevedibile, la novità Rai per la prossima stagione non poteva pensarla nessuno: Maria De Filippi sbarca su Rai 1 con Fiorella Mannoia e Sabrina Ferilli. Un trio alla conduzione di una serata per la violenza contro le donne prevista il 25 novembre: “Questa dev’essere una Rai 1 che manda messaggi potenti. Credo sia la cosa più bella che abbia mai realizzato in tanti anni di Rai. Queste tre donne sensibilizzeranno su questa battaglia.

Rai palinsesti Sanremo

Grazie a Maria De Filippi che ha avuto dalla sua azienda il permesso di condurre questo programma. Maria De Filippi, Sabrina Ferilli e Fiorella Mannoia sono tre amiche nella vita. Mi immagino una bella quota di improvvisazione, con tanti ospiti. Sarà una serata importante, culturalmente. Affronteremo il tema in una maniera diversa. Non ci saranno elaborazioni retoriche. Ci saranno tre donne che metteranno in scena la loro amicizia”, ha detto Coletta durante la presentazione dei palinsesti.

Nel corso della presentazione sono state anche spese parole di grande ammirazione per il ritorno di Antonella Clerici: “Arriverà The voice senior dal 13 novembre, programma che non è mai stato adattato per questa fascia d’età. Con Antonella Clerici andremo in cerca del talento tardivo e per la prima volta si mettono in gioco gli over 60. Sono veramente felice del suo ritorno.”

La Rai inserirà nei palinsesti anche un nuovo show di Fiorello, non Rosario ma Beppe dal titolo “Penso che un sogno così” dedicato a Domenico Modugno in onda l’8 gennaio. Bolle è l’appuntamento fisso di Capodanno, L’Anno che verrà il 31 dicembre per salutare (si vocifera in compagnia di Amadeus) il 2020.

Rai palinsesti Sanremo

L’autunno sarà all’insegna della musica con l’inserimento nei palinsesti dei Music Awards previsti il 2 e il 5 di settembre diretti dalla coppia Conti-Incontrada. L’intrattenimento punta forte sulle riconferme di Milly Carlucci e Carlo Conti, la prima alla guida dal 12 settembre di Ballando con le stelle, il secondo ancora una volta alla conduzione di Tale e Quale Show dall’11 settembre.

Conti sarà estremamente presente in Rai, infatti lo vedremo anche a Lo Zecchino d’Oro il 5 dicembre. Dopo un lungo stop si rivede su Rai 1 il celebre Affari Tuoi a partire da mercoledì 2 dicembre, rimane ancora un’incognita il nome del presentatore del programma. Sempre al mercoledì Rai 1 affiderà i suoi spettatori ad Alberto Angela e al suo Ulisse dal 9 settembre, il divulgatore proporrà al pubblico anche una puntata speciale di Stanotte a Napoli.

Rai palinsesti Sanremo

Foto Stefano Colarieti / LaPresse
Spettacolo

Tra i temi importanti si è parlato del taglio dei compensi dei big: “La Rai vuole essere uno dei motori di questa fase di rilancio. Tutti si devono adeguare a questo momento. Lavorare per il servizio pubblico deve contemplare anche un sacrificio da parte di tutti, anche da parte dei nostri talent. E’ una proposta giusta e sana.

Non credo che ci saranno modifiche all’offerta. Non possiamo avere una Rai che va controtempo. E’ un messaggio importante che tutti devono dare” e sul prime time ridotto nell’orario ha spiegato: “Non appartengo ai teorici dell’allungamento della prima serata per un semplice motivo: ciò ha impoverito l’offerta e non consente la sperimentazione. Non stiamo andando in controtendenza. Vogliamo riaprire una fascia che, in passato, ha portato in Rai tantissimi successi”

www.terzoo.com