91

Il 2 agosto 1980 avveniva la terribile strage di Bologna che ha segnato per sempre le vite dei familiari delle 85 vittime e dei 200 feriti. Il Presidente Mattarella ha espresso la “Necessità di instancabile opera di difesa dei principi di libertà e democrazia”.

 

Strage di Bologna, dopo 40 anni si cerca ancora la verità

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha fatto un toccante intervento riguardo la strage di Bologna del 2 agosto 1980:

“In occasione del quarantesimo anniversario della strage di Bologna, che provocò ottantacinque morti e duecento feriti, desidero – a distanza di pochi giorni dalla mia visita a Bologna e dall’incontro nel luogo dell’attentato – riaffermare la vicinanza, la solidarietà e la partecipazione al dolore dei familiari delle vittime e alla città di Bologna, così gravemente colpiti dall’efferato e criminale gesto terroristico. Riaffermando, al contempo, il dovere della memoria, l’esigenza di piena verità e giustizia e la necessità di una instancabile opera di difesa dei principi di libertà e democrazia”.

Strage di Bologna attentato

Durante la celebrazione della cerimonia di apertura per l’anniversario della Strage di Bologna è intervenuto, per il governo, il viceministro dell’Interno Vito Crimi: “La serietà impone che di fronte ai familiari si ponga un punto fermo. Dopo 40 anni si può solo chiedere scusa”, ha detto, rimarcando anche quanto sia inammissibile e inaccettabile la mancanza della verità piena sulla Strage del 2 agosto 1980.

Pages: Next