90

Tim Cook, CEO di Apple, intervistato al Sunday Morning della CBS ha condiviso le sue idee riguardo l’impatto del covid-19 sugli affari dell’azienda, ma anche di tasse e dell’importanza di essere attivi a livello sociale.

 

Tim Cook parla di Apple, uguaglianza, covid-19 e tasse:

L’intervista alla CBS inizia con le impressioni di Tim Cook per il futuro più vicino, vale a dire il keynote della WWDC 2020: “Sono pieno di segreti ed è difficile per me non parlarne in questo momento. Ma mi sono allenato bene! Posso dire che sveleremo novità importanti sia per i consumatori che per gli sviluppatori, incentrate sempre sull’intersezione tra tecnologia e arti liberali”. 

Tim Cook ha inoltre parlato degli enormi progressi di Apple e alla sua capitalizzazione di mercato da 1.400 miliardi di dollari, è stato chiesto quale fosse il ruolo del CEO in un’azienda così grande e così impegnata anche a livello sociale. Tim Cook ha risposto che per lui un CEO non deve concentrarsi solo sui profitti e deve guardare anche oltre, verso la vita dei consumatori.

Tim Cook CBS apple

Durante l’intervista sono stati toccati anche argomenti più delicati ed esterni all’azienda di Apple, stiamo parlando dell’uccisione di George Floyd da parte di un poliziotto. In particolare, a Tim Cook è stato chiesto se ha riflettuto sul ruolo che l’iPhone ha giocato nel dare ai cittadini la possibilità di registrare momenti storici del genere.

CLICCA QUI PER LEGGERE CIÒ CHE É AVVENUTO 

“Ne siamo onorati. – afferma Tim Cook – Alcuni dei più drammatici cambiamenti sociali sono avvenuti perché qualcuno ha registrato un video, come accaduto con gli eventi a Birmingham e Selma. Le cose sono cambiate e ne siamo molto orgogliosi, perché mettiamo una macchina fotografica nelle tasche di tutti i cittadini e quindi diventa molto più difficile per la società convincersi che qualcosa non sia accaduto o che sia accaduto in un modo diverso dalla realtà.

Credo che quel video cambierà il mondo.”

Tim Cook CBS appleSi tocca poi anche la giovinezza e gli insegnamenti ricevuti da Tim Cook a Robertsdale, in Alabama, dove il razzismo era molto forte:

“Lo ricordo come fosse ieri, vedevo porte contrassegnate dalla scritta ‘Solo bianchi’ e non capivo come le persone potessero convincersi che quella cosa fosse giusta. Credo, ottimisticamente, che adesso sia uno di quei momenti in cui possiamo compiere progressi significativi da questo punto di vista.

Per tante cose sembra che i miglioramenti debbano essere molto lenti, ma poi all’improvviso c’è un salto da gigante. E noi vogliamo rendere questo salto ancora più lungo.”

Parlando della recente decisione della Corte Suprema sul fatto che non dovrebbe esserci alcuna discriminazione nei confronti delle persone in base al loro genere o orientamento, Cook ammette di essere “incredibilmente grato per la loro opinione” e applaude i giudici “che si sono alzati in piedi e lo hanno fatto. Per me, l’America è in viaggio verso l’uguaglianza. E questo è un altro mattone nel muro, e molto importante“.

É stato chiesto a Cook anche se fa valere i diritti civili quando parla con il presidente Donald Trump, il CEO di Apple ha affermato: “Certo che lo faccio. Credo che tutti dovrebbero essere trattati con dignità e rispetto. È così semplice. E che iniziamo la vita su questo piano di parità e quindi le persone che lavorano duramente possono andare avanti. Ma dovremmo iniziare la vita su un piano di parità. E desidero che quel giorno arrivi quanto prima“.

Tim Cook CBS apple

Quando l’intervistatore ha sollevato l’argomento  della necessità e della responsabilità sociale confrontate al dovere fiduciario di Tim Cook nei confronti di Apple di pagare il minor numero possibile di tasse, il CEO offre la solita risposta: “La nostra responsabilità è di pagare ciò che dobbiamo pagare, credo sia abbastanza chiaro. A livello sociale, facciamo molto di più che pagare solo le tasse. Abbiamo capovolto l’azienda per aiutare il mondo con covid-19 e abbiamo donato centinaia di milioni di dollari. Quindi, penso che la mia opinione sia che tu paghi ciò che devi pagare in tasse e restituisci anche altro alla società. Esattamente quello che sta facendo Apple“.

Rispondere alle attuali necessità portate dal covid-19 al momento è uno degli obbiettivi principali di Tim Cook, infatti al momento molti dipendenti possono lavorare da casa invece di recarsi alla Apple Park.

Tim Cook CBS apple

“La cosa di cui mi preoccupo che ci mancherà di più è la serendipità su cui tutti contiamo. E per questo motivo non posso che aspettare fino a quando non saremo di nuovo tutti insieme“.

A Cook viene poi chiesto com’è gestire prodotti e dipendenti in un mondo così incerto: “In generale, alle persone non piace l’incertezza come regola generale e in molti cercano di rendere le cose più certe cercando di indovinare quale sarà il nostro futuro. La cosa più importante per noi è che abbiamo visto la pandemia come una difficile sfida da superare“.

www.terzoo.com