90

Il la crisi causata dal coronavirus ha colpito anche il colosso spagnolo Zara, che nel primo trimestre dell’anno ha perso 409 milioni di euro. Sembra però che Zara stia investendo grandi somme negli ecommmerce:

 

Zara, 1200 negozi chiusi:

Zara chiuderà 1200 negozi in tutto il mondo spostando la sua attività online: Inditex sarebbe pronta ad investire grosse somme di denaro nell’ecommerce.

La spagnola Inditex, proprietaria dei marchi Zara, Bershka, Pull & Bear e Massimo Dutti chiuderà quindi tra i 1000 e i 1200 negozi, si tratta soprattutto di negozi minori situati soprattutto in Asia e in Europa. Il totale dei negozi di Zara passerà così dagli attuali 7412 a 6700, destinati a diventare 6900 visto che questa riorganizzazione prevede comunque delle nuove aperture di punti vendita fisici.

Zara Inditex coronavirus

Inditex, uno dei maggiori produttori di abbigliamento al mondo, non è stata risparmiata dalla crisi causata dal coronavirus, tra il primo febbraio e il 30 aprile sono state registrate vendite in calo del 44% a 3,3 miliardi di euro. La Inditex ha registrato una perdita netta di 409 milioni di euro nel primo trimestre. A maggio il fatturato totale è diminuito del 51%, un dato nemmeno così negativo considerato il periodo di confinamento per la pandemia, che ha costretto l’azienda a chiudere il 90% dei suoi negozi nel mondo. Quasi un quarto dei negozi di Zara e gli altri marchi, è rimasto serrato fino all’8 giugno, ma la crescita del canale online ha compensato in parte il crollo delle vendite.

Pages: Next